"Giancarlo Fornei, il coach delle donne. Aiuta le donne a vincere. Nello sport, come nella vita!"  

Chatta con me su Skype RSS Home   Aree formative    Articoli    Chi è  Coaching per Donne
 Coaching Per Imprenditrici   Contatti Dicono di me Ebook & Audio Corsi  
Interviste Audio    Links  L'ospite    Mp3 Crescita personale  Rassegna Stampa  Recensiti Risorse gratuite  Video







Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Dicembre 2023
Aggiungi questo sito ai preferiti

Le pillole di Giancarlo Fornei

 Home >Articoli>Il colloquio di lavoro  

Il colloquio di lavoro
Stampa questa pagina Precedente Successivo

Immagina per un istante la Tua presentazione ad un colloquio di lavoro. Quanto importante sapersi presentare bene ed avere la giusta immagine?  

Te lo dico io: moltissimo.

Viviamo in un mondo in cui la comunicazione e l’immagine fanno la differenza. Io che amo i proverbi debbo sconfessarne uno: l’abito non fa il monaco. Altroch se fa il monaco. Mai come adesso importante sapersi presentare bene, anche “visivamente”. Mai come adesso importante avere la giusta “visibilit”. Naturalmente, dietro all’arte di presentarsi ed offrire “visibilit” ci devono essere i contenuti, le capacit della persona.

Tutto poi in funzione del tipo di lavoro che si andr a svolgere. Chi deve sostenere un colloquio per essere assunto in fabbrica non deve certamente andarci in abito da cerimonia, bens baster un comune pantalone con giacca, anche senza cravatta. Ma chi si appresta a ricoprire cariche importanti o che in ogni caso lo porteranno spesso e volentieri a contatto con la gente, non pu prescindere dal tener conto che “l’occhio vuole la sua parte”. Intendo affermare che pi importante ed impegnativo il lavoro per il quale andrai a sostenere il colloquio, pi sar fondamentale la Tua capacit d’essere “visibile”.

Senza scemare nel retorico, opportuno aggiungere che l’uomo e la donna dovrebbero, nel prepararsi esteticamente per un colloquio di lavoro, mettere la stessa cura con cui si preparano ad incontrare l’altro sesso per una cena galante. Scelgono una bella cravatta, l’abito pi adatto all’occasione, il trucco migliore a valorizzare la persona, ecc. Bene: devi metterci lo stesso identico impegno. Tenendo a mente due cose.

Per gli uomini: importante non cadere nel ridicolo. Mi spiego meglio: se non hai mai portato il doppio petto o l’abito intero, non forzare la Tua figura. Non cercare di apparire per forza un’altra persona. Il Tuo disagio si vedr ad occhio nudo, ed un buon selezionatore si accorger immediatamente che non sei a Tuo agio. Molto meglio indossare un semplice spezzato, con camicia e cravatta. Volendo anche sul jeans, purch pulito e in linea con la Tua et e soprattutto, la posizione che dovrai andare a ricoprire. Non dimenticarti, inoltre, di avere sempre barba e capelli curati

Per le donne: niente minigonne, tacchi troppo alti o abiti scollati. Tu non conosci il selezionatore che Ti troverai di fronte e quindi, neppure la sua mentalit. Meglio non dare una cattiva impressione (sono convinto che a molte femministe questo passaggio non piacer, per questa ancora la realt nella stragrande maggioranza dei casi). Indossa un semplice tailleur: gonna o pantalone non importante. Cerca di preferire i colori pastello o chiari, evitando quelli troppo appariscenti come il giallo, il fucsia ed il rosso. Evita anche un trucco vistoso e pesante. Cerca d’essere Te stessa: sii bella nella Tua semplicit.

Ricordati che chi riesce a presentare bene se stesso, anche esteticamente, crea interesse nel destinatario e lo predispone favorevolmente a ci che sta per dirgli o presentargli.

Eccoti alcuni utili consigli su come impostare il Tuo prossimo colloquio:

          per prima cosa cerca di acquisire il maggior numero d’informazioni possibili sull’azienda e sulla mansione che dovrai ricoprire e, laddove Ti sia possibile, sulla persona che Ti far il colloquio - farsi trovare preparato denota interesse reale, non solo verso il posto di lavoro ma soprattutto, nei confronti dell’azienda – dimostrare di conoscere l’azienda Ti far guadagnare la simpatia del selezionatore e punti sui Tuoi diretti concorrenti

          sii Te stesso e non cercare di strafare - non mentire mai, per nessun motivo....le bugie hanno le gambe corte e prima o poi il selezionatore se ne accorger – non c’ cosa peggiore di perdere la fiducia nei confronti di una persona che ti aveva fatto una buona impressione;

          quando Ti faranno sedere non stare “sbracato” con le gambe o con il corpo in avanti, non mettere le gambe incrociate sotto la sedia e non tenerle neppure semplicemente unite con le mani sulle gambe - denotano scarso interesse, timore reverenziale e mancanza di personalit - accavalla semplicemente le gambe tenendo la schiena normalmente dritta sulla sedia;

          se quando entri la Tua sedia distante dalla scrivania del selezionatore, non cercare di avvicinarla per appoggiarti – un trucco per “leggere” il linguaggio del Tuo corpo - resta dove Ti mettono loro, assumi la posizione del precedente punto e stai tranquillo;

          tieni sempre a portata di mano un blocco ed una penna - a parte prendere appunti....Ti servono per tenere in mano qualcosa e scaricare la tensione – cos facendo avrai le mani occupate e non potrai usarle per toccarti parti del corpo che potrebbero tradirti;

          prima di farlo, chiedi sempre se puoi prendere appunti – nessuno Ti dir mai di no, ma al Tuo interlocutore far piacere che Tu lo chieda – prendere appunti significa che sei interessato a quello che dice, quindi al posto di lavoro, quindi all’azienda;

          quando parli cerca di non toccarti mai naso e orecchie - sono sintomo d’insicurezza e chi s tocca ripetutamente....racconta bugie, oppure non crede molto (lui stesso) in quello che sta dicendo – anzi, usa questa tecnica a Tuo vantaggio: cerca di notare se chi Ti sta parlando a sua volta lo fa spesso (in quel caso.....attento alle sue promesse);

          rispondi sempre alle domande - anche se sono difficili non glissare mai e cerca di non limitarti a semplici si e no (condiscile, ma senza strafare) - il Tuo esaminatore sta cercando di capire chi ha davanti, per far questo ha un solo modo: domandare;

          prima del colloquio, segnati sul blocco una serie di domande a cui vorresti fosse data risposta e quando sar il Tuo turno, ponile al Tuo interlocutore - chi domanda solitamente molto interessato al lavoro che gli viene offerto....quindi, pi domande fai maggiore sar l’interesse che farai notare al selezionatore – naturalmente poni domande intelligenti ed attinenti al colloquio;

          non porre mai domande relative a compensi, orario di lavoro, ferie, giorno libero – aspetta sempre che sia il Tuo selezionatore ad introdurre l’argomento - se proprio arrivi alla fine del colloquio e non ne avete ancora parlato, chiedi con cortesia se possibile conoscere qualcosa in merito, oppure se tali argomenti preferisce rimandarli ad un colloquio successivo;

          sorridi e sii gentile - appena entri saluta tutte le persone che ci sono e stringi loro le mani - presentati bene: non c' mai una seconda occasione;

           non agitarti - cerca di rimanere calmo e tranquillo – ricordati che il Tuo selezionatore un essere umano come Te: in molti casi troverai persone intelligenti che sapranno metterti a Tuo agio, qualcun altro potr essere un po’ sprezzante, ma sicuramente non morder;

           viceversa, non essere mai Tu sprezzante e maleducato - anche se avrai di fronte un interlocutore “orso”, anche se hai ragione....rispondi con gentilezza a tutte le domande che Ti porr – lascia sempre una buona impressione, non si sa mai;

          per concludere, mentre aspetti il Tuo turno nella sala d’attesa, non leggere giornali o riviste varie - ripassa le informazioni che hai sull’azienda e sul Tuo prossimo interlocutore, ripassa le domande che dovrai porre per conoscere le cose che Ti interessano maggiormente – inoltre, guardati intorno: l’ambiente in cui sei potr suggerirti tante cose....maggiori informazioni sull’azienda, sulle persone che ci lavorano, sulle cose che fanno, sull’ambiente che troverai, ecc.

L’articolo tratto dalla dispensa “Come fare un curriculum e presentarsi bene ad un colloquio di lavoro” Vai alla dispensa Se hai delle domande da porre o degli argomenti particolari da suggerire, scrivimi a giancarlo@giancarlofornei.com  Alla prossima.

Aprile 2002 

Giancarlo Fornei

Consulente & Formatore

Sei un tipo positivo? Ti appassiona il settore motivazionale?
Allora devi assolutamente visitare il sito MotivAzione del mio amico Davide Di Luca
,
http://www.enxerio.com/motivazione

 

Giancarlo Fornei -  Formatore Motivazionale, Scrittore & Mental Coach - "Il Coach delle Donne" 
Via Zamenhof 38 - 54033 Marina di Carrara (MS) - Toscana - Italy
Skype: giancarlo.fornei - Cellulare: 392/2732911 - Email: giancarlo@giancarlofornei.com 
Sito creato nel 1999

---->