"Giancarlo Fornei, il coach delle donne. Aiuta le donne a vincere. Nello sport, come nella vita!"  

Chatta con me su Skype RSS Home   Aree formative    Articoli    Chi è  Coaching per Donne
 Coaching Per Imprenditrici   Contatti Dicono di me Ebook & Audio Corsi  
Interviste Audio    Links  L'ospite    Mp3 Crescita personale  Rassegna Stampa  Recensiti Risorse gratuite  Video







Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Dicembre 2023
Aggiungi questo sito ai preferiti

Le pillole di Giancarlo Fornei

 Home >Articoli>L'importanza dell'essereumano nel mondo dei servizi  

L'importanza dell'essere umano nel mondo dei servizi
Stampa questa pagina Precedente Successivo

Partiamo da un dato di fatto: nel mondo dei servizi la variabile principale l’apporto umano, esso rappresenta una fondamentale leva strategica. Possiamo affermare che il “personale di contatto” o di “front-line” (cio quello che si relaziona con la clientela: ad esempio addetti alla reception di un albergo, segretarie, personale di vendita al bancone, barman, camerieri, commesse, ecc.) traduca in pratica tutti gli elementi del marketing-mix che compongono il servizio stesso. Il personale , a tutti gli effetti, un elemento insostituibile per la realizzazione e la vendita del servizio finale. Questi rimane, in definitiva, l’elemento chiave della traduzione in pratica della strategia di una qualsiasi azienda di servizi (sia essa un’agenzia pubblicitaria, una casa di spedizioni, un hotel, un ristorante, un’agenzia di viaggi, un bar, un’agenzia assicuratrice, ecc.); poich l’effettivo elemento che differenzia la vendita, l’erogazione e la somministrazione di un servizio. Dunque, lecito sostenere che tutto il personale di contatto deve saper gestire la comunicazione interpersonale nel migliore dei modi.

Ma avviene effettivamente questo nel mondo dei servizi? Se aprissi un forum di discussione su questo sito e V’invitassi a mandarmi le Vostre impressioni circa l’ultimo servizio che avete ricevuto, sono convinto che le esperienze negative supererebbero notevolmente quelle positive. A chi non mai successo, infatti, di trovare personale sgarbato al ristorante? Oppure di non veder soddisfatte le lamentele al ritorno di una vacanza non propriamente riuscita e pagata profumatamente all’agenzia? E ancora, di non veder sorridere mai una segretaria che ci riceve dietro il bancone di vendita di un’agenzia assicuratrice? Fortunatamente non tutte le aziende di servizi hanno personale che opera in questo modo, ma il Gap tra la mentalit italiana (volta esclusivamente a vendere) e quella giapponese (volta ad applicare il marketing relazionale), ancora enorme.

Perch – se vero che il personale un elemento insostituibile in azienda – la maggior parte degli imprenditori continua a spendere ed investire unicamente nell’arredamento, in pubblicit, in promozione, nell’estetica dei locali, ecc. e non sceglie accuratamente ed investe nel personale? Perch la spesa per la formazione, la motivazione e l’incentivazione del personale ancora considerata – da buona parte delle aziende italiane – superflua?

La risposta facile: manca la cultura del “fattore umano”. Gli imprenditori dovrebbero avere pi fiducia nei propri collaboratori ed investire su di loro; i collaboratori dovrebbero essere pi disponibili nei confronti dell’azienda ed assumersi maggiori responsabilit. Il percorso da seguire per giungere a questo fine non certo facile, soprattutto perch richiede un cambiamento culturale non indifferente (specialmente in Italia). Iter non semplice ma, non per questo, irraggiungibile!

Come si vede, il problema del cosiddetto “fattore umano” riguarda la direzione ed il coinvolgimento degli esseri “umani”. Il “capo” pu e deve approfittare di tutte le moderne tecniche per mettere la persona giusta al posto giusto, controllandone il rendimento e potenziandola non soltanto con una paga adeguata ma con un costante e progressivo miglioramento del suo morale e del clima interno dell’intera comunit di lavoro. inesatto dire, come taluni credono, che basta migliorare il salario per ottenere maggior rendimento e soddisfazione sul lavoro. risaputo che il denaro non basta a soddisfare le aspettative umane: l’uomo (o la donna) ha bisogno non soltanto di sicurezza morale e fisica, ma anche di sentirsi utile, di sentirsi riconosciuto, rispettato. Lasciatemelo dire: conosco molti imprenditori che non hanno mai lodato un dipendente in pubblico e, al contrario, spesso trattano male il personale davanti al cliente. Non cos che si ottiene fedelt da parte del cliente e motivazione al lavoro dal dipendente.

L’uomo (ma naturalmente anche la donna) non una macchina, una persona e, come tale, vuol partecipare alla vita aziendale e comunitaria. Bisogna perci motivarlo, incentivarlo e renderlo partecipe delle scelte aziendali. Non sostengo che debba partecipare alle scelte strategiche - quelle sono di competenza del management o dell’imprenditore - per giusto coinvolgerlo il pi possibile. Purtroppo, la mentalit Italiana ancora anni luce dietro quell’americana e giapponese. Eppure, pensate a qualsiasi struttura volta ai servizi: quanto importante avere del personale motivato e predisposto all’accoglienza verso il Cliente? Quanto importante avere delle persone che sorridono al Cliente e lo mettono a proprio agio? Quanto importante avere dei dipendenti che sappiano trattare con il Cliente ed assumersi, all’occorrenza, delle responsabilit?

TANTO (per non dire tutto).

Dunque, in qualsiasi azienda di servizi, la gestione delle Relazioni Umane affidata ad esseri umani (uomini e donne). A persone che con le proprie competenze, gestiscono i rapporti all’interno dell’impresa (tra management e dipendenti) oppure con il mercato (tra personale e clienti). Oltre alle proprie competenze professionali (per esempio: chi alla reception di un albergo deve conoscere molto bene le lingue), queste persone devono, a mio modesto avviso, conoscere una componente assolutamente indispensabile, che esula da quelle professionali: devono saper trattare con la gente.

Se volessi darvi le mie personali percentuali affermerei che le competenze professionali e le doti umane contano al 50%. Il concetto chiaro: chi possiede una buona preparazione tecnica ed ha in pi la capacit di sorridere, di suscitare entusiasmo, di coinvolgere la gente………sar candidato al successo.

Vi porto un piccolo esempio: io non sono un gran bevitore di caff, ma quando sono con un cliente oppure voglio rilassarmi un attimo, mi reco sempre nel solito bar dove Max (il barista), appena mi vede mi lancia un “buongiorno” con un sorriso a 32 denti e prima ancora che abbia aperto bocca mi chiede al volo….. “caff con un bicchiere d’acqua per il signor Fornei?” Vedete: Max non il proprietario del bar e non neppure un mago del caff (il suo non mi sembra niente di eccezionale) eppure, prendere un caff da Max sempre un piacere. Perch Max Vi fa sentire a proprio agio: lui non Vi vende il caff (che potreste prendere da un’altra parte), lui Vi vende il suo modo di porlo (che non trovate da nessun’altra parte). Sono convinto che i proprietari del bar hanno capito quali potenzialit abbia Max e se lo tengano ben stretto. Questo un esempio di cultura del “fattore umano”.

Se siete imprenditori e avete un’azienda di servizi….datemi retta: coinvolgete di pi il Vostro personale, motivatelo ed incentivatelo. Fatelo sentire importante: render molto di pi e rimarr fedele al proprio posto di lavoro. Se invece siete dipendenti ……stimolate il Vostro datore di lavoro e fategli capire che meritate fiducia. Non abbiate paura di assumervi nuove responsabilit e non fate come molte persone di mia conoscenza: alle 17,00 in punto “fuggono” dall’ufficio senza curarsi se il lavoro resta indietro o no. Sul lavoro Date tutto Voi stessi, fatelo con passione….prima o poi, qualcuno si “accorger” di Voi.  Alla prossima e scrivetemi a giancarlo@giancarlofornei.com

Settembre 2002

Giancarlo Fornei - Consulente & Formatore

Sei un tipo positivo? Ti appassiona il settore motivazionale?
Allora devi assolutamente visitare il sito MotivAzione del mio amico Davide Di Luca
,
http://www.enxerio.com/motivazione

 

Giancarlo Fornei -  Formatore Motivazionale, Scrittore & Mental Coach - "Il Coach delle Donne" 
Via Zamenhof 38 - 54033 Marina di Carrara (MS) - Toscana - Italy
Skype: giancarlo.fornei - Cellulare: 392/2732911 - Email: giancarlo@giancarlofornei.com 
Sito creato nel 1999

---->