"Giancarlo Fornei, il coach delle donne. Aiuta le donne a vincere. Nello sport, come nella vita!"  

Chatta con me su Skype RSS Home   Aree formative    Articoli    Chi è  Coaching per Donne
 Coaching Per Imprenditrici   Contatti Dicono di me Ebook & Audio Corsi  
Interviste Audio    Links  L'ospite    Mp3 Crescita personale  Rassegna Stampa  Recensiti Risorse gratuite  Video







Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Dicembre 2023
Aggiungi questo sito ai preferiti

Gli articoli di Giancarlo Fornei

 
   Mantenere la parola data ancora un valore.

Grazie a mio figlio ne ho piena consapevolezza
Stampa questa pagina Precedente Successivo

In questi giorni di festa, in cui i ritmi ossessivi della formazione si sono notevolmente calmati, un particolare gesto fatto da Sebastian, mio figlio maggiore ormai quasi diciottenne, mi ha portato a riflettere e scrivere questarticolo. Tutto ha inizio ai primi dottobre, quando lo stesso Sebastian ci ha dato un piccolo dispiacere, comunicando a mamma e pap la sua intenzione di smettere di studiare. Devi sapere che Seba (come lo chiamo simpaticamente io), ha il Diploma di Qualifica professionale come Operatore ai Servizi di Ristorazione e questanno, ha iniziato il biennio che gli avrebbe permesso di diplomarsi allIstituto Alberghiero. Seba non mai stato una cima a scuola, ma tutti gli anni, puntualmente nel secondo quadrimestre, ha sempre recuperato. Quando questanno abbiamo visto il solito andazzo, sia io sia Paola (mia moglie), abbiamo (erroneamente) pensato che fosse come gli altri anni e che Seba avrebbe potuto recuperare da Gennaio. Invece, Seba, apparso ben determinato a smettere di studiare per cominciare a lavorare e, dato che il 3 gennaio del 2007 sarebbe diventato maggiorenne, unito al fatto che sia io sia Paola riteniamo sia meglio per i nostri figli guidarli nelle scelte anzich obbligarli a fare qualche cosa, abbiamo entrambi accettato la volont di Seba, ad un patto: che avrebbe subito cercato un lavoro che gli permettesse di imparare un mestiere.

Premesso che Seba aveva fatto la stagione turistica in un Lounge Bar come aiuto cuoco e che aveva ricominciato a studiare pur continuando a lavorare la domenica pomeriggio, la fortuna ha voluto che davanti a casa mia venisse ad abitare il figlio di un caro amico che ha una pasticceria e, dato che al sottoscritto il cosiddetto muso a c.. non manca, una mattina lho fermato e gli ho chiesto se avesse bisogno di un apprendista. Per farla breve, la settimana precedente il Natale Seba cominciava subito il suo periodo di prova e, se pensi che sia solo fortuna, ti ricordo che la fortuna aiuta gli audaci e gli audaci, sono persone che agiscono. Tutte le mattine Seba si alza alle 4,30 per essere in pasticceria alle 5 e tornare a casa dopo le 13. Un bel sacrificio, ma lui ama giocare a calcio e questi orari gli permettono di allenarsi il pomeriggio. Con franchezza, non so se al mio amico Cesare Seba piaccia e vorr assumerlo nella sua pasticceria, ma posso affermarti che il gesto che gli ho visto fare laltro giorno, mi ha riempito dorgoglio e mi ha fatto capire che sotto quella scorza di carattere duro ed anche un po scontroso, si cela un ragazzo serio, che sa assumersi un impegno e portarlo a termine.

Devi sapere che cominciare un periodo di prova in pasticceria sotto le feste di Natale dura anche per una persona adulta, figurati per un giovane apprendista di quasi 18 anni, con la testa immersa nel pallone (e non in maniera solo metaforica). Ad ogni modo giunge il primo sabato, che guarda caso anche il sabato precedente il Natale ed a Seba, dopo aver gi fatto le sue 8 ore lavorative, viene chiesto di fermarsi anche nel pomeriggio per evadere lenorme lavoro che c. Tornando a casa per la pausa pranzo, Seba borbotta un po, chiaramente scontento come qualsiasi altro ragazzo della sua et, anche se alle 15 del pomeriggio nuovamente in pasticceria, pronto per fare il suo dovere. Ma evidentemente, questo non era lunico gesto bello e di cui stupirmi che dovevo attendermi da Seba, perch oggi, domenica, dopo essersi alzato nuovamente alle 4,30 e aver fatto le sue 8 ore in pasticceria, Seba si pure presentato alla proprietaria del Lounge Bar, dove alla fine dellestate aveva promesso che sino al 10 di gennaio, tutte le domeniche pomeriggio sarebbe stato a sua disposizione, aiutandola in cucina.

Naturalmente, bene pensare che un ragazzo di quasi diciotto anni ha bisogno dei suoi spazi e dei suoi ritmi, quindi, se come genitore sono immensamente orgoglioso di come si sia comportato mio figlio e di come sia stato capace di mantenere limpegno precedentemente preso, sono altres consapevole che tale comportamento possa e debba essere inteso come una tantum e quindi, valevole ora perch sotto le feste e perch non rispettarlo senza avvisare per tempo, avrebbe messo in difficolt la proprietaria del Lounge Bar. Dopo il 10 gennaio, se a Seba sar data la possibilit di rimanere in pasticceria per imparare un mestiere, poich gi di per se impegnativo e richiede anche del sacrificio, sar opportuno che ne parli con la Signora e lasci laltro lavoretto.

Anche se riguarda mio figlio, questa una storia normale, una storia che poteva avere chiunque altro come attore principale. Magari proprio tu, che stai leggendo larticolo. Ad ogni modo, una storia che deve farti riflettere, meglio: deve farci riflettere tutti quanti ed insegnarci che in un mondo in cui tutti promettono una marea di cose e pochi le mantengono, mantenere la propria parola data una vera e propria virt, ancora un valore. Se poi a farlo un giovane di diciotto anni, la cosa mi riempie di gioia e mi fa ancora pi piacere e pensare che, forse, i valori di una volta come lonest, il rispetto, la seriet, la puntualit, la pazienza, ecc., sono importanti anche per questa generazione e che quindi, c ancora speranza per lessere umano. Comunque vada a finire lavventura lavorativa di Seba, mio figlio ha rafforzato in me la consapevolezza che mantenere la parola data, anche a costo di piccoli sacrifici, sia giusto ed importante. Sia giusto e importante guardare oltre al nostro esclusivo tornaconto, oltre al possibile ritorno economico. Sia giusto e importante rompere ogni indugio e mantenere fede, sempre e in ogni circostanza, allimpegno preso o alla parola data. Dovremmo seguire il suo esempio e farlo tutti, un po pi spesso, magari partendo proprio da noi genitori, da noi cosiddetti adulti responsabili. Grazie Seba, grazie per avermi ricordato che anche alle soglie del 2007, mantenere la parola data ancora un valore.

Nellaugurarti un Sereno Natale ed un futuro anno allinsegna di tutti i tuoi desideri, ti giunga il mio pi cordiale saluto e se hai delle domande da pormi su questo o altri argomenti, scrivimi ad info@giancarlofornei.com far il possibile per risponderti personalmente.

Dicembre 2006

Giancarlo Fornei

Formatore & Personal Coach

Practitioner di PNL

 

 

Giancarlo Fornei -  Formatore Motivazionale, Scrittore & Mental Coach - "Il Coach delle Donne" 
Via Zamenhof 38 - 54033 Marina di Carrara (MS) - Toscana - Italy
Skype: giancarlo.fornei - Cellulare: 392/2732911 - Email: giancarlo@giancarlofornei.com 
Sito creato nel 1999

---->